Blog

Ultimi articoli

ECOBONUS 2018 CAPANNONI

 

Bonus casa 2018: amianto, capannoni e certificazioni

Mentre per il bonus verde si attendono le norme applicative per capire quali saranno gli interventi su giardini e terrazzi che si potranno portare in detrazione, i tecnici allo studio della manovra si concentrano su quelli che erano i punti proposti lo scorso anno con gli appositi emendamenti: “ci sarà sicuramente l’estensione dell’ecobonus al 65% a tutti gli interventi di bonifica dall’amianto. Accanto a questo, penso a interventi che possano semplificare ulteriormente la cessione dei crediti. E’ un meccanismo essenziale, perché oggi le imprese di costruzioni, vista la situazione di crisi, non possono fare da banche per i cittadini”, ha detto Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente territorio e Lavori pubblici della Camera.

In primis si pensa ad un emendamento per le certificazioni statiche: ad oggi infatti “una diagnosi seria di un edificio costa e, per questo, è giusto consentire di recuperare questi costi tramite le detrazioni. Oggi, infatti, chi non effettua i lavori non ha accesso allo sconto fiscale sulla diagnosi. Dobbiamo evitare che queste certificazioni vengano trattate come quelle energetiche e, in qualche caso, vendute a prezzi di saldo”.

Focus anche sui tetti per il sisma bonus per la messa in sicurezza antisismica dei capannoni. L’attuale applicazione della soglia ordinaria, fissata a 96 mila euro, è penalizzante per le grandi strutture che occupano una superficie di migliaia di metri quadri. Una soluzione efficace potrebbe essere quella di proporzionare il limite alla metratura dei capannoni.

Posts simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *